manifesto tecnico della letteratura futurista testo

5. — Credo necessario sopprimere l’aggettivo e l’avverbio, perchè sono ad un tempo, e a volta a volta, i festoni variopinti, i panneggi a sfumature, i piedistalli, i parapetti e le balaustrate del vecchio periodo tradizionale. Volete [p. 91 modifica]che io vi faccia dei madrigali pieni di grazia e di colore? Il manifesto tecnico della letteratura futurista La letteratura futurista rifiuta la tradizione, tutto ciò che è vecchio, che è legato alla morte ed esalta invece tutto ciò che è vita. Guardatevi dal prestare alla materia i sentimenti umani, ma indovinate piuttosto i suoi differenti impulsi direttivi, le sue forze di compressione, di dilatazione, di coesione, e di disgregazione, le sue torme di molecole in massa o i suoi turbini di elettroni. «Eh sì! Dopo il verso libero, ecco finalmente LE PAROLE IN LIBERTA’! L’aggettivo avendo in sè un carattere di sfumatura, è inconcepibile con la nostra visione dinamica, poiché suppone una sosta, una meditazione. Quei che ti fanno in basso batter Vali.». I manifesti naturalmente non si fermano qui, ma fino agli anni trenta affronteranno e indagheranno ogni possibile campo espressivo, dall’architettura alla scenografia, dalla cinematografia all’arte meccanica, dall’aeropittura al teatro, dalla musica al rumore, dalla casa al giocattolo, fino ad immaginare una ricostruzione futurista dell’universo. L’uomo completamente avariato dalla biblioteca e dal museo, sottoposto a una logica e ad una saggezza spaventose, non offre assolutamente più interesse alcuno. [p. 97 modifica]E questo pensiero di Edgardo Poe: (edgardo poe - Colloquio fra Monos e Una). È quindi impossibile determinare esattamente il momento in cui finisce l’ispirazione incosciente e comincia la volontà lucida. Nel ’38 soltanto, lui, allattato da una nutrice sudanese, prende posizione contro le leggi razziali. L’avverbio conserva alla frase una fastidiosa unità di tono. Noi vogliamo distruggere i musei, le biblioteche, le accademie d'ogni specie, e combattere contro il moralismo, il femminismo e contro ogni viltà opportunistica e utilitaria.                 muffa flusso e riflusso pepe rissa sudiciume turbine aranci-in-fiore filigrana miseria dadi scacchi carte gelsomino + nocemoscata + rosa arabesco mosaico carogna pungiglioni acciabattìo                 mitragliatrici = ghiaia + risacca + rane Tintinnìo zaini fucili cannoni ferraglia atmosfera = piombo + lava + 300 fetori + 50 profumi selciato materasso detriti sterco-di-cavallo carogne flic-flac ammassarsi cammelli asini tumb-tuuum cloaca Souk-degli-argentieri dedalo seta azzurro galabieh porpora aranci moucharabieh archi scavalcare biforcazione piazzetta pullulìo                 concerìa lustrascarpe gandouras burnous [p. 101 modifica]formicolìo colare trasudare policronìa avviluppamento escresceuze fessure tane calcinacci demalizione acido-fenico calce pidocchiume                 Tintinnìo zaini [p. 90 modifica]Quando nella mia Battaglia di Tripoli, ho paragonato una trincea irta di baionette a un’orchestra, una mitragliatrice ad una donna fatale, ho introdotto intuitivamente una gran parte dell’universo in un breve episodio di battaglia africana. 3. — SI DEVE ABOLIRE L’AGGETTIVO perchè il sostantivo nudo conservi il suo colore essenziale. 7. Cannone 149-elefante artiglieri-cornacs issa-oh [p. 103 modifica]collera leve lentezza pesantezza centro carica fantino metodo monotonia allenatori distanza gran-premio parabola x luce zang-tumb-tuuum mazza infinito Mare = merletti-smeraldi-freschezza-elasticità-abbandono-mollezza corazzate-acciaio-concisione-ordine Bandiera-di-combattimento (prati cielo-bianco-di-caldo sangue) = Italia forza orgoglio-italiano fratelli mogli madre insonnia gridìo-di-strilloni gloria dominazione caffè racconti-di-guerra                Torri cannoni-virilità-volate erezione telemetro estasi tumb-tumb 3 secondi tumbtumb onde sorrisi risate cic ciac plaff pluff gluglugluglu giocare-a-rimpiattino cristalli vergini carne gioielli perle iodio sali bromi gonnelline gas liquori bolle 3 secondi                tumbtumb ufficiale bianchezza telemetro croce fuoco drindrin megafono alzo-4-mila-metri tutti- a- sinistra basta fermi-tutti sbandamento-7-gradi erezione splendore getto forare immensità azzurro-femmina sverginamentoaccanimento corridoi grida labirinto materassi singhiozzi sfondamento deserto letto precisione telemetro monoplano loggione applausi                monoplano = balcone-rosa-ruota-tamburo trapano-tafano > disfatta-araba bue sanguinolenza macello ferite rifugio oasi umidità ventaglio freschezza siesta strisciamento germinazione sforzo dilatazione-vegetale sarò-più-verde-domani restiamo-bagnati serba-questa-goccia-d’acqua bisogna-arrampicarsi-3-centimetri-per-resistere-a-20-grammi-di-sabbia-e-3000-grammi-di-tenebre via-lattea-albero-di-cocco stelle-noci-di-cocco latte grondare succo delizia. //it.wikisource.org/w/index.php?title=I_Manifesti_del_futurismo/Manifesto_tecnico_della_letteratura_futurista&oldid=- 3. 2. — Quando parlo d’intuizione e d’intelligenza non intendo già di parlare di due dominii distinti e nettamente separati. voi siete, piccola mitragliatrice, una donna affascinante, e sinistra, e divina, al volante di un’invisibile centocavalli, che rugge con scoppii d’impazienza. Sui numeri della rivista che vanno da ottobre 1907 a gennaio 1908 esce il poema in prosa “La mort tient le volant” che si ispira alle gare automobilistiche di Brescia, è secondo lo stesso Marinetti la vera svolta, quella in cui ha la geniale intuizione della velocità, dell’ebrezza del rischio, in una parola del Futurismo. Noi ne abbiamo fatto a meno, d’altronde, quando esprimevamo frammenti della sensibilità futurista mediante la sintassi tradizionale e intellettiva. È il 20 febbraio 1909 quando sulla prima pagina del giornale parigino “Le Figarò” esce il testo Fondation et manifeste du futurisme. Questi testi propagandistici e divulgativi, scritti da Marinetti e firmati dagli aderenti, sono il suo migliore prodotto letterario. Sono altrettanti spettacoli insopportabili. Prefazione al Catalogo della 1ª Esposizione di scultura futurista a Parigi. I microbi — non lo dimenticate — sono necessari alla salute dello stomaco e dell’intestino. Il movimento culturale del Futurismo si estese anche nella letteratura; Filippo Tommaso Marinetti pubblicò i princìpi della letteratura futurista nel Manifesto su diversi giornali italiani tra gennaio e febbraio del 1909. IncludiIntestazione 7. — Le parole liberate dalla punteggiatura irradieranno le une sulle altre, incroceranno i loro diversi magnetismi, secondo il dinamismo ininterrotto del pensiero. 4. — SI DEVE ABOLIRE L’AVVERBIO, [p. 89 modifica]vecchia fibbia che tiene unite l’una all’altra le parole. Io ho, d’altronde, un’assoluta fiducia nel sentimento di orrore che provo pel sostantivo che si avanza seguito dal suo aggettivo come da uno strascico o da un cagnolino. Bisogna dunque abolire nella lingua tutto ciò che essa contiene in fatto d’immagini stereotipate, di metafore scolorite, e cioè quasi tutto. Con una emozione sempre identica, l’anima trattiene il fiato, trema un poco, supplica di essere calmata e respira infine ampiamente quando l’ondata delle parole ricade, con la sua punteggiatura di ghiaia e la sua eco finale. Il dinamismo, la velocità e il progresso industriale. 5. — OGNI SOSTANTIVO DEVE AVERE IL SUO DOPPIO, cioè il sostantivo deve essere seguito, senza congiunzione, dal sostantivo a cui è legato per analogia. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 7 mag 2017 alle 23:17. Avevamo lungamente calpestata su opulenti tappeti orientali la nostra atavica accidia, discutendo davanti ai confini estremi della logica ed annerendo molta carta di frenetiche scritture.Un immenso orgoglio gonfiava i nostri petti, poiché ci sentivamo soli, in quell’ora, ad esser desti e ritti, come fari superbi o come sentinelle avanzate, di fronte all’esercito delle stelle nemiche, occhieggianti dai loro celesti accampamenti. L’allegoria è anche, talvolta, il secondo termine sviluppato e minuziosamente descritto di una analogia. la stessa accezione che ha per noi oggi. Nessuno può rinnovare improvvisamente la propria sensibilità. Il Manifesto futurista espone i principi di un nuovo movimento culturale che combatte fortemente tutto ciò che è legato alla tradizione. Cosa rappresenta l’automobile per i futuristi? L’analogia non è altro che l’amore profondo che collega le cose distanti, apparentemente diverse ed ostili. Essendo soppressi gli aggettivi, gli avverbi e le congiunzioni, la punteggiatura è naturalmente annullata, nella continuità varia di uno stile vivo che si crea da sè, senza le soste assurde delle virgole e dei punti. È quindi press’a poco sicuro che non s’ingannerà chi farà il contrario. Ed ecco una gran dama allo spettacolo... Vastamente scollacciato, il deserto infatti mette in mostra il suo seno immenso dalle curve liquefatte, tutte verniciate di belletti rosei sotto le gemme crollanti della prodiga notte.» («Battaglia di Tripoli»). I futuristi lanciano un grido al mondo e il mondo effettivamente li ascolta. Davvero i futuristi credono nella possibilità di un mondo nuovo, davvero sono convinti che l’uomo possa incidere sulla Storia e determinarne il corso. La corsa fa risvegliare in loro istinti primordiali e fa dimenticare il buon senso e la ragione tanto che la corsa finisce in un fosso. Bisogna — dicono — risparmiare la meraviglia del lettore. L’idea iniziale di Marinetti è essenzialmente rivolta allo svecchiamento del linguaggio poetico ma la sua oratoria e la sua capacità di divulgatore attraggono ben presto anche gli artisti di altri settori, nascono quindi le sezioni futuriste: poesia, pittura, musica, scultura, azione femminile, arte dei rumori, architettura, antifilosofia, antimorale e politica, ognuna con il proprio manifesto programmatico e manifesto tecnico. La sintassi va distrutta: i verbi usati all’infinito, aboliti aggettivi e avverbi, i sostantivi accostati sulla carta senza segni d’interpunzione. Sono, [p. 99 modifica]a volta a volta, i bastoni o le grucce del sostantivo. Identici, veramente, per la sinistra promiscuità di tanti corpi che non si conoscono. Ci offre infine la corsa d’un uomo a 200 chilometri all’ora. Esempio: uomo-torpediniera, donna-golfo, folla-risacca, piazza-imbuto, porta-rubinetto. A vostra scelta signora... Voi somigliate per me, a un tribuno proteso, la cui lingua eloquente, instancabile, colpisce al cuore gli uditori in cerchio, commossi... Siete, in questo momento, un trapano onnipotente, che fora in tondo il cranio troppo duro di questa notte ostinata... Lo stile analogico è dunque padrone assoluto di tutta la materia e della sua intensa vita. Noi vogliamo esaltare il movimento aggressivo, l'insonnia febbrile, il passo di corsa, il salto mortale, lo schiaffo ed il pugno.Noi affermiamo che la magnificenza del mondo si è arricchita di una bellezza nuova; la bellezza della velocità. Manifesto della donna futurista • BOCCIONI. Noi lo libereremo dall’idea della morte, e quindi dalla morte stessa, suprema definizione dell’intelligenza logica. Già per troppo tempo l’Italia è stata un mercato di rigattieri. 6. In aeroplano, seduto sul cilindro della benzina, scaldato il ventre dalla testa dell’aviatore, io sentii l’inanità ridicola della vecchia sintassi ereditata da Omero. La poesia deve essere concepita come un violento assalto contro le forze ignote, per ridurle a prostrarsi davanti all'uomo. 50% ../Manifesto della prima Esposizione di scultura futurista Manifesto futurista della Lussuria. Noi viviamo già nell'assoluto, poiché abbiamo già creata l'eterna velocità onnipresente. Salvo la forma a festoni tradizionale, questo periodo del mio Mafarka il futurista è un esempio di una simile fitta rete di immagini: «Tutta l’acre dolcezza della gioventù scomparsa gli saliva su per la gola, come dai cortili delle scuole salgono le grida allegre dei fanciulli verso i maestri affacciati al parapetto delle terrazze da cui si vedono fuggire i bastimenti...». Dopo averlo pubblicato su Le Figaro, il 20 febbraio … Sorprendere attraverso gli oggetti in libertà e i motori capricciosi la respirazione, la sensibilità e gli istinti dei metalli, delle pietre, del legno, ecc. compongono il testo non hanno alcun legame sintattico-grammaticale fra loro e non sono organizzate in frasi e periodi. Questo Manifesto si articola in undici punti che fissano il contenuto, i temi della nascente letteratura futurista. Nessuna opera che non abbia un carattere aggressivo può essere un capolavoro. Via! In quei momenti, io non ho potuto notare, dal punto di vista fisiologico, che un gran vuoto allo stomaco. Mediante l’intuizione, vinceremo l’ostilità apparentemente irriducibile che separa la nostra carne umana dal metallo dei motori. Dopo il regno animale, ecco iniziarsi il regno meccanico. Manifesto tecnico della letteratura futurista. 2. Tutte queste elastiche intuizioni, con le quali io completo il mio Manifesto tecnico della letteratura futurista, sono sbocciate successivamente nel mio cervello mentre creavo la mia nuova opera futurista, della quale ecco un frammento fra i più significativi: Mezzogiorno ³¼ flauti gemiti solleone tumbtumb allarme Gargaresch schiantarsi crepitazione marcia Tintinnìo zaini fucili zoccoli chiodi cannoni criniere ruote cassoni ebrei frittelle pani-all’olio cantilene bottegucce zaffate lustreggìo cispa puzzo cannella 6. — ABOLIRE ANCHE LA PUNTEGGIATURA. 11. — DISTRUGGERE NELLA LETTERATURA L’«IO», cioè tutta la psicologia. Bisogna dunque sopprimere il come, il quale, il così, il simile a. Meglio ancora, bisogna fondere direttamente l’oggetto coll’immagine che esso evoca, dando l’immagine in iscorcio mediante una sola parola essenziale. Ecco un esempio espressivo di una catena di analogie ancora mascherate e appesantite dalla sintassi tradizionale. Dunque, dobbiamo abolirlo nella letteratura, e sostituirlo finalmente colla materia, di cui si deve afferrare l’essenza a colpi d’intuizione, la qual cosa non potranno mai fare i fisici né i chimici. Non si tratta di rendere i drammi della materia umanizzata. Le cellule morte sono commiste alle vive. Per accentuare certi movimenti e indicare le loro direzioni, s’impiegheranno segni della matematica: + — X: = > <, e i segni musicali. Essa mette capo al primo manifesto futurista, sintesi di una 100 HP lanciata alle più folli velocità terrestri.

Giulia Ronchi Artribune, Film Natalizi Per Bambini, La Canzone Del Mare Netflix, Lettera Di Una Madre Al Figlio, Occidente E Oriente Nel V Secolo, Come Te Nessuno Mai Streaming Altadefinizione, Licenza Di Pesca Abruzzo 2020, Jarabe De Paulo,