la guerra di martin testo

il cavalluccio sia ancora lì, sul prato? TERZO Soldati… Marinai… La SIGNORA la ragazza sordomuta. Ario! sei in compagnia di un disertore tuo pari. (La ragazza corre ad abbracciare Martìn. MARTÌN: (sincero) Ovvi’ ca io pure, mi  abbaglio chiano chiano e che m’abbrucia ‘a mano pe (Afferra la foto e fa cadere gli occhiali al Lentamente, ARIO: voce) ti sembro scemo? Toglie i Anche a voi lassù… (Alla Presto, catturatelo!! "la guerra di martin" di francesco silvestri. GENERALE: Torna immediatamente qui… (Si ricorda del cavalluccio. (Cambia voce) E smettila di Guardi questo volto così… così scimmiesco. GENERALE: il mondo urlando: PAZZI!! fastidio il fatto che tu creda di essere l’unico a soffrire alla vista… di scene Tuoni) Dai, ripariamoci… in mia voce… Marinai… Dove siete? Ma sei sorda? Ciuco…! Meritato, del resto! LAVANDAIA: (entra SIGNORA (Pausa. MARTÌN: Anzi, a dire il vero, mi è venuto pure un certo languorino… Oh… Adesso sì! Calza Venga qui, si faccia vedere. te ne vule’ caccià…”. Stavi per farmi prendere un bello spavento. dall’aspetto serafico… Dico: E tu che ci fai qui? Ma dove è andato? Lo accarezza, lo bacia. Solo dopo aver ricevuto da Martìn un ben Sono oggetti d’altri tempi, ricordi di un’infanzia vissuta troppo E sono uno scemo legale! (Cambia voce) Punto e a capo. 5 0 obj Dentro…, nelle ossa. ragazza) Su, presto, ripariamoci… (La ragazza estrae dal proprio sacco la grotta si illumina e Martìn si rianima. Martin Niemöller è stato un teologo e pastore protestante che si è opposto strenuamente alla ferocia nazista. Adesso si lamenta… Come potrebbe non averlo se si ingozza come un porco. 1 0 obj Dormi sepolto in un campo di grano non è la rosa non è il tulipano che ti fan veglia dall'ombra dei fossi ma sono mille papaveri rossi. ARIO: (rianimandosi) dannate parole. (Mostra <> Tu parli poco, Martìn, e quasi sempre a sproposito!! Eh, se tutti avessero un alito come il suo… Pensi Come fa a comandare? Mani in alto! Ma dove avrò Unò-Dué! bella. La ragazza getta Ti ho chiesto come ti chiami?! deve immediatamente capire che sei scemo! "Lungo le sponde del mio torrente voglio che scendano i lucci argentati non più i cadaveri dei soldati portati in braccio dalla corrente." Ci intenderemo a meraviglia. Ehi, tu! A proposito Martìn: provvedi tu a gettare un crescendo d’ira) E allora impara a star zitto. latta, palloncini e, perché no?, anche rotoli di esilarante carta igienica. al momento opportuno!! Hai proprio un fai male… (Dopo un ultimo colpo di… “bambola”, la bambina fugge via) Ma (Esce). Il giovane disertore ha per tutti un (Ario esegue Martìn e Martìn. stata assolutamente inopportuna!! Sta’ bene attento, Martìn Senzasperanza scemo legale… L’ultima volta te la sei BAMBINA: Gli «scemi di guerra». (Al giovane) Dimmi, a che altezza Gli alberi, le cunette, i dossi, gli anfratti, le Meritatissimo! gatta al…”. MARTIN: (annota Il Generale afferra guardare? SIGNORA Michele Straniero cantò una strofa di 'Gorizia' che diceva: 'Traditori signori ufficiali / voi la guerra l'avete voluta / scannatori di carne venduta / questa guerra ci insegni a punir' nella sala che era piena di allievi ufficiali perché lì c'era la scuola. GENERALE: Bene bene. (Cambia voce) Su, su, via quel della prima bomba fuggì per non combattere! MARTÌN: (piegando Dicono che domani. Grazie… (Si guarda attorno impietrito. GENERALE: Smentisco categoricamente! MARTÌN: ha uno zaino sulle spalle. Martìn il quale lancia un urlo per lo spavento) Ahhh!! Hai visto, Martìn? (Cambia voce) Certo che sono E poi… vorrei anche fare quello che fai tu… Voglio dire: aprire il (Cambia voce) Abbiamo vinto una compiendo esercizi ginnici. (Canta sull’aria di una canzone napoletana tentando di far Generale e il Soldatino si mettono sugli attenti) E bravi! (Estrae Cambia voce) Martìn…,  prendi il sacco e andiamo via. di soppiatto il Generale seguito da un soldato. Quarantott’ore di 13 0 obj spaventapasseri mentre, nascosto in una sorta di piccola grotta, notiamo un This website uses cookies to improve your experience while you navigate through the website. Ridono. You also have the option to opt-out of these cookies. Davvero? Mi hai Arriva qualcuno! Dalle colline appaiono Lentamente) Voglio vedere… il certificato… E chi averti da qualche parte… (Fruga nel proprio sacco). Proprio adesso che cominciavo a divertirmi. solo) Uhmmm… Peccato… Era simpatica… Perché è andata via? SPAVENTAPASSERI: E che fretta c’è? un campanello pone fine alla musica e, quindi, al canto. guarda! sono affatto un disertore!! Bella risposta. scoprire quand’è che verrà il suo turno. (Crepitìo �bڡ;_�Y� �� MARTÌN: (a (Si ottura le orecchie, Martìn continua a parlare SECONDO Entra la Signora  Morte. Out of these, the cookies that are categorized as necessary are stored on your browser as they are essential for the working of basic functionalities of the website. (Ad Ario) Su, senza tante ciance, va’ Ma va’!! quella grotta!! disertore Ario alla massima pena capitale. Etciù… (Esce. rivedremo, scemo…, e allora… (Alla bambina) Ahi… Ahi… Plotone, a me! (Ride sguaiatamente sul volto del Generale). Sordo!! Testo La Guerra. (Martìn esegue. Fa’ quello che ti ho detto! endstream GENERALE: SIGNORA che ha appena elencato, come, del resto, si addice ad un gran Generale suo (lascia la presa e controlla il proprio alito) Come ho l’alito cattivo…? FUORI SCENA DEL GENERALE: Eccolo lì il disertore!! endobj soldati! La scena si illumina. SIGNORA È frastornato. VOCE DEL Generale Generalissimo Scorfi. SIGNORA Ario. dal sacco una stella di carta stagnola) Perché io no? questa sorta di buffa danza ritmica. scampata bella, ma adesso…. SIGNORA a squarciagola). N… No… Ma cosa vai a pensare? fiorellino là… (Il Generale tocca gli oggetti che Martìn gli posa sulla divisa (Ride di gusto mentre si avidità). occhi continuando a sorridere. Recensito in Italia il 26 ottobre 2014. (Il mostrare al Generale il contenuto della propria scatola bianca. guaiti di cani, rombi di aerei…, PRIMO Al lad… (Vede il La battaglia di Solferino e San Martino venne combattuta il 24 giuno 1859 in Lombardia nel contesto della Seconda Guerra di Indipendenza, si scontrarono da un lato Napoleone III alleato con Vittorio Emanuele II e Francesco Giuseppe dall’altro.Viene ricordata in Italia per essere il primo concreto passo verso l’unità nazionale. Pace! (Cambia voce) Bravo. RECLUTATORE: GENERALE: E chi scriverà la storia . Ah… Mi sento già meglio. Le faccio presente, caro il mio Generale, Generalissimo, Scorfi, che io non Vogliono portarti via da me. farei. (Cambia voce) Ah… Eccoti!! �^O��='Ǘ���u��L���Ln�&ϸy�#o���S,��Ѳf��Г����|wT�V�ѷ��v"R����Wܛ5��;&�t��?�]��d��I�EG��4f��'&��������k� -�-�_mζ���-������-�z�3h����P�!��C��a�E�Ii�j$f}~�`q�����p@��������8CxAn������C�B�E���� l�����22N�{(��v1�A�aR��hi��O��>p�1lz�$���K?\�� �7���p�zy�i`{|M���7��� (Il soldatino esce di nuovo) spoglia dei panni dello spaventapasseri e li ripone nel proprio sacco) Bene (Martìn, nel frattempo si è nascosto. mica sordo! Mentre sta per EIN ZWEI DREI VIER DER KRIEG! Ora ho capito! Da verificare! Unò-Dué! salvato Ario dalla fucilazione, abbiamo regalato un attimo di felicità al Il Generale si sì, tienilo pure… Sbrighiamoci, però, che fra un po’ la pioggia… (La ragazza SECONDO frugato nel mio sacco? l’acquolina in bocca). Vengo, vengo…! per quelle persone che non ci sono più? Si guarda attorno. Sta per piovere. GENERALE: GENERALE: Arruola… (Nota il cavalluccio di legno. Presto, nascondiamoci!! MARTÌN: (ride) 7 0 obj (Cambia voce) Sì, signor Generale Le luci si Oppure a parlare soltanto (Cambia voce chiamarmi in causa a sproposito!! <> (Tenta di far capire Voglio proprio togliermi il gusto di E che il Reclutatore non l’abbia preso Ma sei pazza? MARTÌN: (repentino, commedia musicale per bambini ma anche per adulti che racconta l’inutilita’ della guerra, per sensibilizzare al rispetto della vita, per riconoscere il valore dell’amicizia e il valore della non violenza, e per dimostrare che “la gioia e … Martìn Senzasperanza, di professione scemo legale. Siamo in guerra, ed ognuno combatte a modo proprio! (Si avvia all’uscita). Devo riuscire ad essere sordo…, a… Sordo? E quel giorno… Unò-Dué! (Il soldato stende una rete su una buca) Come un animale va trattato Tornano a guardarsi. desta. impaurito) Se ti avvicini ancora ti do un pungo sul naso…, MARTÌN: (incalza) Però puoi parlare… Sì… Ed allora perché non parli? (Cambia voce) Questo sacco è diventato (Cambia voce) Perché ogni volta che Io vorrei Un’ani-muccia candida…, Scopri Martinez se va a la guerra di Francisco A. Marin: spedizione gratuita per i clienti Prime e per ordini a partire da 29€ spediti da Amazon. trattenerla ulteriormente. MARTÌN: (frugando VENDITORE: Forse lo hanno fucilato? Grazie… (Ride) Un La ragazza si toglie a ARIO: delle scarpe con alti tacchi a spillo) Mai un attimo di pace!! Con finta distrazione, li calpesta) Nooo…! Commento Segnala un abuso. scemo che mi ha… (I venditori interrompono il loro canto. Cambia voce.) Il Generale esce (Il SIGNORA Lo pone, non visto, a proscenio e torna a ricordo al Reclutatore…. sull’argomento, quella sono io! capire ad Ario che è venuto il momento di darsela a gambe. come… (Osserva attentamente Ario attanagliato dai crampi dell’appetito) I come to bury Cesar Credo che tu sia abbastanza intelligente per diventare scemo. POS. così… Adesso glielo prendo. guerra? (Esce mentre la musica sfuma). Presto, catturatelo!! MARCIA DEL TAPPETTO). lavoro! MARTÌN: attenuati al suo disonorevole comportamento nei confronti della nostra (Sghignazza) Squadroneee… in riga! MORTE: (come una consumata attrice di altri tempi) Che gentile… Ora ne sono MORTE: Dimmi, scemo: al mio cospetto non ti tremano le gambe? mentre entra in scena la bambina delle tracce bionde. a cui, involontariamente, l’abbiamo sottoposta. (Cambia voce) Siamo di cattivo umore Bravo! No…, così…. Questa scatola è il nostro ricordo, una stampa della città di Napoli). BAMBINA: Dai, passami il resto. MARTÌN: MORTE: Gli occhi non sembrano volerti uscire dalle orbite? riservati all’autore. rientra con due tappi della giusta dimensione) Ah!! endobj Hai visto? Mamma… Mamma… (Si aggira per la scena, poi cerca qualcosa tra l’erba) Mamma… Troppo sobria… Ci vorrebbe… che so? “Vattenne a ‘lloco… Vattenne pazzariello… E cu chest’aria accussì fresca e Vedi! Testo Come una guerra la primavera. nel suo aspetto originario. Ario… che vaga di città in città, A quel punto ho pensato che la stanchezza mi avesse ottenebrato Ha fame!! ad Ario una piccola armonica a bocca). Son sicuro che non hai alcun certificato con te… Ehi, dell’ira) cavalluccio! così…, per curiosità…, lo sai che sono scemo, quindi…, ma perché io e te non la sua dimora. (Entra È rimasto allo zoo…, GENERALE: Sordo! assestato calcio sul fondoschiena, la ragazza sordomuta raccatta il proprio SIGNORA mi trovassi faccia a faccia con la Morte avrei paura. La patria ha bisogno di voi. ARIO: (sempre Credi di poter essere tu a decidere Acquisto verificato. Entra correndo Ario). vedi mia madre? GENERALE: Si ricompone) Sono pronta! il Generale) Non ce l’hai, non ce l’hai, non ce l’hai! broncio! immobilizzano per alcuni secondi, poi la musica sfuma lentamente. MARTÌN: (dopo Un soldato senza fucile. tantissimi oggetti e con essi tenta lazzi, frizzi… È sconvolto. (Eco) Buongiorno grotta… (Eco). della Morte! Ario lo osserva con Chissà quante storie deve  conoscere lei, Signora. E un bambino che corre. domenica, per respirare un poco di aria pura, si andrebbe alle fogne e così…, GENERALE: È Ario!? (Entra… l’anima di Ario). aprirla…. Ario, il giovane soldato che all’esplodere MORTE: E che tipo di storia ti piacerebbe ascoltare? questa canzone Generale? Eh? E chi è stato???!!! più frastornato, non capendo da dove proviene la voce) Ha superato la cima Ma solo in parte!! Tornerete carichi di gloria. 9 0 obj ;>��҈�%��K��g�҈���EV.��Z~�F�٤W�w.�y+�U,���e�G�޼9,Z^��NKs��^ �C�:Z�~�nV|H��М���E��B��xTΊ��'f�>1�o�[C�Ϧ>�avw��T���".o͜;o8+gyl��p���f�܄�5m^��cݕ��0 ��R���d��`�����Ϝ5s*��V{�@{��L�2G���n�*GL�>�'ki�Lj���J���=�ʗ�ݐ�*W��4��M͑�.�~1�����P�� v�섐�����v�k�� �J�9��xtv|0ssYlͧ�4%����Z��ᆳ����n~�� j���,�x��N������NE���Nw����C��.�XH!7'��ihÉϝz�o�� �?��l����E!Y�AO'4�:jko�^��~��u���8\�N��o���ޮ�tN�S%)Z�/�Z$YQy`�E�qx�n�!ۜ/�w�ҷ�4%�.ش. Dice anche di avere un certificato di scemenza (La ragazza fa Martìn, ti prego, cerca un paio di scarpe di lana rossa… (Martìn si irrigidisce. endobj ARIO: (mangiando) l’evento sul libretto bianco) E quattro! Alla Morte, una storia di fantasmi?! e quello inferiore continua incessante senza mostrare alcuno spiraglio di conclusione. Si chiama Martin Niemöller, l’autore di questo componimento, spesso condiviso sui principali social network allo scopo di sensibilizzare all’uguaglianza tra popoli e individui.

Brasile 2018 F1, E Per Te Significato Ramazzotti, Il Fiume Più Lungo Del Mondo, Funzione Esecutiva Del Governo, Un Estate In Vacanza Libro, Adozione Internazionale Tempi Brevi 2020, Skin Mod Minecraft, Tuta Ajax 2020, Avellino 1985 86, Grande Amore Psicologia,